23.12.2019Tirol

„Oh Albero“ – bilancio intermedio per il progetto Interreg

Già 16.000 giovani abeti piantati a Wipptal

Gli abeti non devono soltanto decorare i salotti nel periodo di Natale, bensì anche, in considerazione del cambiamento climatico, trovarsi nei boschi locali. A Wipptal, sia a nord che a sud del Brennero, dominano, grazie alle condizioni naturali, larici e abeti rossi, ma ci sono anche i resti di boschi di abeti. Nell’ambito del programma Interreg “Oh albero” vengono raccolti i semi degli alberi di abete ancora presenti a Wipptal, cresciuti poi nel centro forestale di Stams e ripiantati nella regione.

A metà della durata del progetto transfrontaliero previsto dal 2018 al 2021 nei boschi di abete dei comuni di Trins e Brennero sono già stati raccolti 1.000 chili di pigne. I proprietari boschivi di Wipptal finora hanno piantato nell’area dell‘ispettorato forestale di Steinach 16.000 giovani abeti. “Sfruttiamo il serbatoio genetico ancora disponibile per generazioni boschive future di un bosco montano resistente al clima. Gli abeti hanno radici profonde e possono quindi gestire meglio la siccità e sono meno sensibili al vento”, afferma il Vicepresidente Josef Geisler parlando di questa iniziativa transfrontaliera.

Isole nel bosco

Nei boschi di Wipptal sono stati piantati più di 100 cosiddette isole di abeti da 100 - 200 alberi. Dietro a questo progetto si nasconde un nuovo concetto di silvicoltura che punta molto sulla natura. “Quando gli abeti sono abbastanza grandi producono i semi e fanno in modo che da queste isole crescano sempre più abeti in modo naturale”, spiega Helmut Gassebner, ispettore forestale a Steinach. Eppure bisogna anche aiutare la natura. “Dobbiamo proteggere gli abeti rimboschiti dal brucamento degli animali selvatici con degli involucri oppure con una recinzione. Altrimenti non hanno nessuna possibilità di crescere.”

L’abete per il futuro

I cosiddetti “relitti” degli abeti, che si trovano principalmente nella valle Gschnitztal, a Vals, nella Val di Fleres, a Racines e a Fortezza, risalgono al clima più caldo dell’Alto Medioevo. “Questi abeti si sono abituati al clima all’interno delle Alpi e sono adattissimi alla Wipptal”, spiega Franz Sigmund, ispettore forestale di Vipiteno, illustrando i vantaggi della raccolta dei semi sul posto.

Il progetto Interreg “Oh albero” presta un prezioso contributo al ritorno degli abeti a Wipptal a nord e sud del Brennero. I semi ricavati servono ai proprietari boschivi di Wipptal per rimboschire le isole di abeti. Promotori del progetto finanziato con 33.600 Euro dal Land Tirolo, dalla Provincia di Bolzano e dall’UE sono l’associazione per la cura del bosco, la comunità agricola comunale di Steinach e la Waldinteressentschaft Pflersch.

Media

Ulteriori contributi