27.06.2019Südtirol

Lo sport oltre ogni limite

Un portabandiera altoatesino, Florian Planker, e un podio sfiorato per la squadra italiana di para eishockey alle Paralimpiadi invernali: quello passato è stato un anno eccezionale per gli atleti della nazionale iridata, la gran parte dei quali è cresciuta – sportivamente parlando – proprio in Alto…

Una figura simbolo di questo vivaio radicato nel Gruppo Sportivo Disabili Alto Adige è proprio
Planker. Dipendente di banca, dopo l’incidente nel quale ha perso una gamba il quarantenne
gardenese ha trovato sin da subito nello sport una seconda vocazione, trasformandosi in un
promotore dell’attività fisica per disabili attraverso il gruppo fondato nel 1990 dall’attuale presidente
Markus Kompatscher. Classe 1977, originario di Selva di Val Gardena, Planker ha giocato un ruolo da
protagonista nelle discipline invernali paralimpiche a livello nazionale, collaborando nel 2007 alla
continua crescita della squadra italiana che l’anno scorso a Pyeongchang ha fatto sognare il Paese,
portando sotto i riflettori l’hockey su slittino – noto anche come sledge hockey o para ice hockey –
che dal 1994 è una delle specialità paralimpiche e che in Italia conta appena tre squadre: il
campionato se lo disputano le South Tyrol Eagles di Bolzano, i Tori Seduti di Torino e i Brancaleone di
Varese. Un singolo numero è sufficiente a rappresentare il primato altoatesino nel para ice hockey
nazionale: dei 22 titolari convocati ai Giochi 2018, ben sette (oltre a Planker, Gianluigi Rosa, Nils
Larch, Christoph Depaoli, Werner Winkler, Gianluca Cavaliere e Stephan Kafmann) erano altoatesini.
Da buon gardenese, la passione per il ghiaccio Planker l’ha sempre avuta sin da quando, a 4 anni, ha
impugnato una stecca per la prima volta. “La carriera da giocatore professionista era il sogno che ho
perseguito per tutta l’infanzia e l’adolescenza” racconta Planker. Nel 1994 aveva 17 anni quando è
rimasto coinvolto in un incidente motociclistico costatogli una gamba. Il primo sport che è tornato a
praticare è stato lo sci. “Erano in corso le Paralimpiadi di Lillehammer ed io ero ancora ricoverato in
clinica a Bad Häring in Tirolo. Fu allora che vidi per la prima volta gare di sciatori su una gamba e
pensai: perché no?” racconta Planker, che da allora ha preso parte a sei Paralimpiadi, le prime
sciando e dopo il 2006 dedicandosi al suo primo amore, quello per l’hockey. Fino all’ultima
partecipazione, l’anno scorso, quando il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha affidato il
tricolore italiano nelle sue mani prima della partenza per la Corea del Sud. “Una volta rimesso piede
sul ghiaccio mi sono subito sentito a mio agio, ritrovando le sensazioni che conoscevo e riprendendo
il ruolo di prima, quello di attaccante. Certo, molte cose sono diverse: adesso le braccia devono
manovrare il disco e pattinare insieme, per farlo devi essere molto veloce e coordinato. Non potendo
poi pattinare all’indietro, devi imparare a girarti curvando” prosegue Planker, che afferma di
considerarsi fortunato anche per il fatto lavorare in una grande realtà, l’istituto di credito Banca
Popolare dell’Alto Adige/Volksbank, dove “sono stato sempre agevolato nella partecipazione agli
allenamenti, alle competizioni e alle trasferte internazionali, cosa che magari in realtà più piccole non
sarebbe stata possibile”.
L’importanza dell’attività sportiva è da sempre un tema caro all’assessorato provinciale a Salute,
Sport, Politiche sociali e Lavoro, che nel Contratto intercompartimentale dei dipendenti pubblici per il
triennio 2016-18 ha inserito un articolo che concede agli atleti di livello agonistico fino a 10 giorni
l’anno per congedi e permessi per allenamenti e gare. Uno di coloro che ne beneficiano è Julian
Kasslatter, classe 1982, portiere dei South Tyrol Eagles, che come Planker è di origine gardenese.
Kasslatter è affetto sin dalla nascita da una malformazione agli arti inferiori che limita la sua mobilità.
Oltre che per la sua carriera sportiva, il volto di Julian è conosciuto da molti anche per il suo lavoro di
usciere a Palazzo Widmann, la sede della Giunta provinciale dell’Alto Adige, dove accoglie
quotidianamente visitatori, dipendenti e assessori dell’amministrazione. “Mi piace viaggiare per
partecipare ai tornei, allenarmi insieme ai miei compagni ma soprattutto lo spirito che si crea
giocando insieme: senti di far parte di una squadra che lavora in sinergia per raggiungere un obiettivo

comune” racconta Julian. Ma il primato altoatesino non si esaurisce con le prestazioni della squadra
titolare. In provincia esiste anche l’unica squadra italiana di para ice hockey per bambini: i
Junghechte (giovani lucci) di Caldaro. Fondatore e allenatore del gruppo è Werner Winkler, che perse
la gamba sinistra all’età di 15 anni mentre, in motorino con un amico, tornava da una festa di
compleanno. Dopo aver provato in prima persona diversi sport, oggi Winkler gioca a para ice hockey
con i South Tyrol Eagles e nel 2018 ha partecipato alle Paralimpiadi di Pyeongchang come titolare.
Ma, soprattutto, Winkler ha dato vita all’unica squadra esistente in Italia di para ice hockey per
bambini e ragazzi, che quest’anno festeggia i dieci anni di attività. Attualmente sono 5 gli under 16
che si allenano a Caldaro, spesso insieme ai colleghi più grandi degli Eagles fra cui anche Winkler
stesso. I giocatori più giovani, due fratelli affetti dalla stessa malattia genetica che impedisce loro
l’uso delle gambe, hanno appena 6 e 8 anni. David e Samuel Weihprachtitzky si allenano con David
Ambach, 16 anni, penalizzato fisicamente dagli effetti della spina bifida, presente in squadra sin dalla
sua fondazione, Leonard Luis Lange e Sebastiano Nardin, oltre che – fra gli adulti – l’unica donna che
in Alto Adige pratica questo sport, Anita Caminada. “Il ruolo di pionieri lo conosciamo bene sin dal
2005 quando l’Italia ha preso parte per la prima volta ai campionati europei e mondiali, oltre che alle
prime Paralimpiadi: la delegazione altoatesina era presente sin dall’inizio” racconta Winkler. “Per
questo sport è sempre stato difficile coltivare un grande vivaio di giovani. Le cose sono cambiate nel
2009 quando abbiamo attivato la squadra giovanile di Caldaro. Ancora oggi sono pochissimi gli
esempi del genere anche a livello internazionale, ma il sogno al quale stiamo lavorando
concretamente sarà la creazione di una nazionale giovanile, come già esiste negli Usa e in Canada”
racconta Winkler, sempre a caccia di nuovi talenti desiderosi di imparare a maneggiare stecca e puck.
Sempre dal 2009 ha iniziato poi gli allenamenti anche una squadra di hockey in carrozzina a motore, i
WH Tigers Bolzano, composta da persone con distrofia muscolare e sclerosi multipla. “In questo
modo anche giocatori con una ridottissima forza fisica possono praticare un’attività fisica sentendosi
parte integrante della nostra società e tirando fuori la grinta, l’agonismo, e la forza” si legge nel sito
della squadra, composta da giocatori di età compresa fra 8 e 49 anni e guidata da Clemens
Innerhofer, presidente della società nonché capitano della squadra. Ne è passato, di tempo, da
quando nel 1948 il neurochirurgo tedesco Ludwig Guttman ebbe l’idea di organizzare in Inghilterra
gare sportive per soldati gravemente feriti in guerra. Quell’anno Guttman organizzò prima dei veri e
propri Giochi olimpici in contemporanea a quelli di Londra, ma solo nel 1960 si svolsero a Roma le
prime Paralimpiadi con questo nome. Oggi gli atleti paralimpici e gli sportivi con disabilità che
praticano attività a livello dilettantistico sono diventati dei veri modelli di successo, insidiando e a
volte polverizzando i record dei normodotati in diverse discipline. Il caso più eclatante si ebbe a Rio
2016, quando Abdellatif Baka, algerino di 22 anni con deficit visivo corse i 1.500 su pista battendo di
quasi due secondi il vincitore dell’oro fra i normodotati. Ma non basta, perché in quell’occasione
anche il secondo, il terzo e il quarto dei fondisti che tagliarono il traguardo dopo Baka corsero più
velocemente del primo classificato fra i normodotati. Ma non sono solamente queste stupefacenti
performances atletiche ad affascinare sportivi e non. La forza di volontà, la positività e la tenacia
degli atleti paralimpici riescono a imprimersi con sempre maggiore forza nell’immaginario collettivo.
Il segreto di questo fascino si ritrova nelle parole di Claudia Schuler (30), che racconta: „Quando
faccio sport, la mia attenzione è focalizzata sul momento presente, su quello che riesco a fare con il
mio corpo. Tutto ciò che non posso fare in quei momenti passa in secondo piano”. Appena nata, un
errore medico durante un intervento chirurgico le ha fatto perdere l’uso della parte inferiore del
corpo. Sin da quando era piccolissima Schuler è costretta a muoversi in carrozzina. Ma la ricerca della
“normalità” è sempre rimasta al centro della sua esistenza. Sette volte campionessa italiana di
handbike, dal 2007 al 2013 Schuler ha calcato i gradini più alti dei podi internazionali, diventando un
punto di riferimento per la sua specialità nella categoria femminile. Le due vittorie più care, però,
restano quelle conseguite nel 2013 nella tappa di Coppa del mondo di Merano, con il primo posto sia

nella corsa su strada che nella tappa a cronometro di Marlengo. Per Schuler, che vive a Plaus dove
lavora alla reception dell’albergo di famiglia, vincere davanti al pubblico di casa “è stata un’emozione
incredibile, complice il supporto dei tifosi che è stato davvero favoloso”. Dal 2016 Schuler ha lasciato
l’attività agonistica, iniziata nel 2004 sotto l’ala del mentore e apripista venostano Roland Ruepp,
doppietta di ori olimpici ai Giochi di Salt Lake City del 2002 nella 5 e nella 10 chilometri di sci da
fondo e bronzo nel biathlon nella stessa edizione delle paralimpiadi prima di convertirsi con successo
anche all’handbike, vincendo nel 2010 il primo Giro d’Italia nella categoria H3. All’epoca guida alpina
e membro del soccorso, nel 1990 Ruepp cadde durante un’arrampicata sul massiccio del Sesvenna.
La lesione spinale che riportò lo costringe da allora in sedia a rotelle, ma gli ha aperto le porte dello
sport agonistico che lo ha visto prendere parte ai Giochi invernali di Lillehammer, Nagano, Salt Lake
City e Vancouver. Oggi la trentenne venostana immagina per sé un futuro “come mental coach per
altri sportivi o come psicologa dello sport. Anche di fare attività fisica non smetterò mai, perché fa
benissimo sia al corpo che alla mente. Mi piace andare in bici con la mia nipotina di tre anni, come
facevo sin da piccola con le mie compagne di scuola. Ho sempre cercato di partecipare alle loro
attività nonostante i miei limiti fisici e col tempo ho scoperto di potere persino arrampicare e
nuotare. Il vero limite sta solo nella nostra testa”. Proprio per consentire a Claudia di scalare, il
responsabile della palestra di arrampicata dell’Alpenverein Südtirol di San Genesio Egon Larcher ha
fatto in modo di tracciare alcune vie a misura di paraplegico. L’unica sè stessa che Claudia conosce, è
la Claudia in carrozzina. Per questo, racconta, “non considero la mia una vera disabilità bensì il mio
modo di essere da sempre. Invece per chi ha perso l’uso delle gambe in età adulta o a causa di un
incidente le cose sono molto più difficili, la realtà è molto più dura da accettare”.
Eppure per Ivan Tratter (28) la vita dopo l’incidente avvenuto nel 2011, all’età di 19 anni, “non è
diventata peggiore, soltanto diversa”. Dopo essere finito contro un albero durante una slittata al
chiaro di luna insieme agli amici, Ivan ha riportato la frattura delle vertebre dorsali con lesione del
midollo spinale, con una conseguente paraplegia irreversibile. Da giocatore amatoriale di calcio, oggi
Ivan è diventato uno dei più forti giocatori del mondo di tennis in sedia a rotelle e il suo obiettivo
dichiarato sono le qualificazioni per le Paralimpiadi di Tokyo 2020. Il requisito è semplice: “A maggio
2020 devo essere entro i primi 40 del mondo. Attualmente sono proprio al numero 40” racconta
Ivan, a settembre 2018 al primo posto nella classifica italiana della sua specialità. “Facendo sport a
livello agonistico ho preso parte a ben 16 tornei internazionali. Negli ultimi otto anni ho vissuto
esperienze che hanno arricchito la mia vita in modo tale che oggi non potrei immaginarla priva di
esse e alle quali non vorrei mai fare a meno neanche in futuro” prosegue Ivan, che oggi si allena
quotidianamente per almeno un’ora con la racchetta, e poi ancora nuotando in piscina per
aumentare la resistenza aerobica e dedicando ulteriore tempo alla pratica dei movimenti sulla sua
speciale sedia con le ruote inclinate e la ruota posteriore anti-ribaltamento, per mantenere l’agilità di
movimenti e spostamenti da una parte all’altra del campo. Uno dei compagni preferiti di
allenamento è suo fratello Florian di 24 anni. “Riusciamo a giocare spesso assieme, mi piace
allenarmi con lui” racconta Ivan, che dopo il primo shock post-incidente ha riscoperto l’amore per lo
sport al centro di riabilitazione austriaco di Bad Häring. “Fare sport mi è sempre piaciuto, ma quando
ho provato per la prima volta il tennis e il basket in carrozzina ho capito subito che avevo trovato la
mia strada” racconta Ivan. Proprio il Centro Auva (l’Inail austriaco) di Bad Häring è stato il luogo dove
molti atleti paralimpici hanno incontrato per la prima volta il mondo dello sport per persone con
disabilità. Il livello di cure offerto dalla struttura, l’impostazione che punta a rendere il paziente il più
autonomo e indipendente possibile e infine il massiccio ricorso all’attività fisica in ottica riabilitativa
hanno spinto la Provincia di Bolzano a stipulare una convenzione con il Centro sin dai primi anni
Ottanta. Nel 2017 sono stati 38 gli altoatesini che vi hanno trascorso un periodo di riabilitazione, per
una spesa di poco superiore ai 900.000 euro. Nel giugno scorso la convenzione è stata rinnovata
anche per il prossimo triennio, con scadenza a fine 2021. Grazie ad essa gli invalidi civili altoatesini

possono usufruire del rimborso su tutte le prestazioni del centro, inclusa quella del cosiddetto
“ginocchio elettronico” del costo di alcune decine di migliaia di euro, che consente ai pazienti
amputati movimenti più agili rispetto alle normali protesi normalmente utilizzate in Italia. “Di sera
per ricaricarlo lo attacco alla corrente proprio come un cellulare. Oggi se ripenso alle mie prime
protesi quarant’anni fa, che erano praticamente dei pezzi di legno, posso dire che l’ingegneria
biomedica ha fatto passi enormi a vantaggio della stabilità e della libertà di movimento di chi indossa
un arto meccanico. In questo modo molti di noi possono lavorare normalmente, come me al
Commissariato del Governo, Florian Planker in banca o Werner Winkler alla Röchling” spiega
Kompatscher. O possono addirittura diventare atleti-imprenditori come nel caso di Michael Stampfer
(42), specialista nello sci alpino, disciplina nella quale ha gareggiato a due edizioni delle Paralimpiadi
nel 2006 e nel 2010. Anche Stampfer, prima dell’incidente sul lavoro che nel 2002 gli ha provocato la
frattura di tre vertebre – cadde da un tetto di 10 metri in un cantiere dove lavorava come carpentiere
– era molto sportivo: calcio, sci, tennis. Durante il soggiorno a Bad Häring, ecco anche per lui l’uscita
dal tunnel che all’inizio gli aveva fatto sembrare la vita ormai priva di senso. “Mi sono reso conto che
non avevo alcuna possibilità di piangermi addosso. Dopo il ricovero ero completamente autonomo
per tutto: andare in bagno, fare la doccia, vestirmi, andare al lavoro o in vacanza, fare sport e tutto il
resto. Allora ho capito che la mia vita poteva essere comunque interessante e mi sono subito
dedicato allo sci a livello agonistico, entrando in nazionale e qualificandomi per la Coppa del mondo.
Poi sono arrivate le Paralimpiadi e fino al 2010 mi sono dedicato a questo. Poi il tutto è diventato un
po’ troppo impegnativo per me e quindi ho lasciato per dedicarmi completamente all’azienda”
racconta. Sin dal 2006 Stampfer lavora alla VIST di Caldaro che fa la parte tecnica degli sci (attacchi e
piastre), divenendone nel 2015 amministratore delegato. Anche per lui l’obiettivo è far innamorare
dello sport suo figlio di quasi quattro anni. “Andiamo insieme in mountain bike anche nel bosco, io
continuo a giocare a tennis: desidero che, se lo vorrà, possa provare tutti gli sport che faccio io”
spiega Stampfer.
Nello sci paralimpico un’altra figura quasi leggendaria è Christian Lanthaler (51) di Tirolo, eletto dalla
Commissione Disabili della Confederazione Europa e Africa atleta disabile dell’anno 2016 e
cofondatore nel 1990 del Gruppo Sportivo Disabili Alto Adige insieme a Markus Kompatscher.
Lanthaler ha perso la gamba sinistra all’età di 5 anni salendo su una ruota come quelle che fanno
funzionare uno ski-lift, al cui interno gira una corda d’acciaio: “Sono caduto tra la ruota e la corda,
che mi ha tagliato quasi tutta la gamba sinistra. Sono cresciuto così fin da piccolo e ho sempre
cercato di fare tutto con i miei amici”. Sette le edizioni delle Paralimpiadi cui Lanthaler ha partecipato
dall’età di 18 anni in poi, conquistando due argenti a Salt Lake City e uno ai Mondiali 1996 a Lech in
Austria nella discesa libera e nel Super G. Nel 1993 ha iniziato anche con lo sci nautico e oggi si allena
ancora quotidianamente, oltre a lavorare da 17 anni nel suo negozio di orafo in via delle Corse a
Merano. Fra i pionieri delle discipline alpine in Alto Adige c’è anche Bruno Oberhammer (54),
ipovedente dalla nascita e atleta paralimpico dal 1984 quando partecipò ai Giochi invernali di
Innsbruck. Allora le Paralimpiadi esistevano da appena vent’anni. “Venni mandato dall’Italia a quella
edizione perché all’epoca in questo settore non esisteva praticamente nulla. La crescita però fu
rapida, e già nel 1988 sempre a Innsbruck c’erano altri due atleti altoatesini ipovedenti, Manfred
Perfler e Hubert Perfler” ricorda Oberhammer, il cui palmarès di 3 ori, 5 argenti e 3 bronzi lo rende
autentico precursore dei successi italiani dei trentini Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal che nel
2018 hanno fatto sognare l’Italia con le loro discese appaiate sulle piste di PyeongChang. Ma per
Oberhammer la fine della carriera agonistica non ha significato la fine del proprio impegno in ambito
sportivo. Nel 1998 e fino al 2010 il cinquantenne bolzanino ha assunto il ruolo di responsabile tecnico
di tutti gli sport invernali della nazionale paralimpica italiana in seno alla Federazione Italiana Sport
Disabili. Insieme a lui un altro iniziatore delle discipline sportive per disabili fu Albert Herbert di
Merano, che per rafforzare il settore instaurò collaborazioni con Austria e Germania, dove queste

attività erano più sviluppate. La disabilità però non è soltanto fisica (amputazioni, para- o tetraplegie
congenite o causate da incidenti) o sensoriale (ipo- o non vedenza), ma anche mentale. “Sul totale
delle persone disabili che in Alto Adige praticano sport, che sono diverse centinaia, almeno tre quarti
ha una disabilità mentale e/o relazionale più o meno grave” riferisce Massimo Bernardoni, delegato
bolzanino del Comitato Italiano Paralimpico (CIP). L’integrazione nella società delle persone con
questo tipo di disabilità diventa sempre più prioritaria. Secondo gli ultimi dati della Lancet
Commission pubblicati dal Sole 24 Ore i disordini mentali sono in forte crescita a livello globale e
costeranno all’economia fino a 16 trilioni di dollari tra il 2010 e il 2030 fra costi sanitari diretti (incluse
le medicine e le terapie) e indiretti (perdita di produttività, giorni di lavoro persi per malattia, spesa
in welfare sociale, educazione, eccetera). Per il 2019 il World Economic Forum di Davos ha posto il
tema delle patologie mentali in cima all’ordine del giorno della propria edizione 2019 sotto il motto
“Take action on mental health”. Anche in questo caso lo sport può aiutare moltissimo, come nel caso
delle attività all’aria aperta organizzate in collaborazione con la sezione del CAI di Bolzano per gli
ospiti dei Centri di salute mentale e di riabilitazione psichiatrica del territorio (vedi articolo a parte).
“Lo sport diventa così un vero strumento di integrazione, sotto tutti i punti di vista. Ogni attività
praticata insieme ad altre persone, anche in casi gravi di autismo o di sindrome di down, oltre che
avere un effetto positivo sul fisico e sulla psiche della persona, riesce anche a migliorare la sua
situazione relazionale diventando un potente strumento inclusivo” conclude Bernardoni.
Un’occasione in questo senso è rappresentata dai Giochi Olimpici Speciali, manifestazione
multisportiva per atleti con disabilità intellettiva organizzata con cadenza biennale (ogni quattro anni
l’edizione estiva e quella invernale, sfalsate di due anni esattamente come avviene per Giochi
olimpici e paralimpici), cui prendono parte numerosi atleti altoatesini. Nell’edizione invernale 2017 di
Schladming in Austria gli sportivi di casa hanno conquistato due ori (fra cui quello di Tobia Kostner
nella 2,5 km di fondo a tecnica libera), un argento e un bronzo di Andreas Psaier e Peter Blaas nello
sci alpino (slalom speciale), più altri due bronzi.
Il Gruppo Sportivo Disabili Alto Adige è stato fondato nel 1990 da Markus Kompatscher, che dal 1992
ne è presidente. L’organizzazione ha forma di associazione di volontariato in seno alla Federazione
per il sociale e la sanità e si finanzia attraverso donazioni, sponsorizzazioni e il sostegno dell’Ufficio
Sport della Provincia per l’attività ordinaria o l’organizzazione di manifestazioni specifiche. A queste
fonti di finanziamento si aggiungono contributi dell’Ufficio persone con disabilità della Provincia di
Bolzano per interventi straordinari come ad esempio l’acquisto di mezzi per le attività
dell’associazione. La sede del Gruppo si trova a Campodazzo dove vive anche Kompatscher, 51 anni,
che all’età di 11 anni ha perso la gamba dopo che la sua bici è stata investita da un’auto e che da
allora ha praticato ogni genere di sport. Il GSDA conta fra i 120 e i 150 soci. Nell’ambito della Sezione
di Bolzano dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti opera il Gruppo Sportivo Dilettantistico
Non- e Semivedenti. Il Gruppo organizza iniziative sportive non agonistiche, progetta il tempo libero
e organizza la partecipazione a competizioni sportive nazionali e internazionali. Il gruppo sportivo si
articola nelle sezioni Torball, sport invernali (sci alpino, sci nordico), atletica leggera e
tandem/scacchi/bersaglio/tempo libero. La squadra di Torball del GSNV Bolzano – BSSG Bozen ha
vinto il titolo di Campione d’Italia 2017/18 e lo scorso novembre si è aggiudicata la Supercoppa
battendo di misura la Reggina. Un’associazione che organizza attività sportive per persone con
disagio intellettivo e relazionale è la sezione sport della Lebenshilfe Onlus. Grazie ai suoi responsabili,
le persone con disabilità possono prendere parte a corsi, allenamenti e gare nazionali e internazionali
di sci alpino, sci nordico, pattinaggio, atletica leggera, calcio, nuoto e ginnastica. Uno degli eventi
principali é la  tradizionale manifestazione sportiva e di giochi per persone con disabilità, promossa
dall’Ufficio persone con disabilità, dall’associazione Lebenshilfe e dalle Scuole per le professioni
sociali “Hannah Arendt” e “Levinas”.

Media

Più Stories